dal 23/05 al 12/06

pag 2

pag.1

cozzeeperle

isola.gif

Leopardi teneva uno " Zibaldone " cioè un diario intimo in cui appuntava le sue considerazioni sulla vita, i fatti, la natura, i suoi legami . . .  e siccome era uno spirito dotato di grandi capacità di espressione linguistica filosofica e poetica, in quel diario, che poi fu salvato stampato e diffuso a beneficio di tutti noi, vennero riportate delle vere e proprie perle umanistiche e descrittive di alta levatura morale, denotanti una sofferente ma eccelsa intelligenza . . .  io fatte le enormi differenze più che perle come si vede nell' intestazione da 20 giorni ho composto elettronicamente ( come fossero delle umili ma gustose cozze ) il mio modesto ma originale zibaldone discontinuo che si è dipanato lunghissimo sullo spazio che WIX mi concede e adesso continuo, perchè mi ci son affezionato molto, qui nella seconda pagina per altri 20 giorni e avanti per non  so dove  . . . .       

il primo argomento è : " ma insomma stiamo andando verso una società di esseri partecipi ma liberi oppure verso una società o molte sottosocietà di schiavi tecnologici, obbedienti plebi, vive ma sacrificabili, proprio come i moderni allevamenti intensivi ? "   LE RISPOSTE RESTANO APERTE . . . . . MA SE STIAMO ATTENTI AGLI INDIZI E ALLE SEQUENZE DI AVVENIMENTI, FORSE CI RENDIAMO MEGLIO CONTO DI QUALI SUGGESTIONI, SENTORI E ACQUISIZIONI STANNO FORMANDO LA GENTE DEL PIANETA IN QUESTO INIZIO XXI° SECOLO. Io per conto mio, dismesso l' abito delle illusioni e delle pretese, ridimensionata e accettata meglio la mia odierna identità, sopportato l' inevitabile declino di sogni e competenze . . . . sto in parte a guardare, scelgo micro-imprese, consiglio solo chi crede possa essergli utile e io faccio lo stesso, manipolo il computer quotidianamente come passatempo e metodo di comunicazione interattivo e avanzo un po' come TRUMAN verso il confine dipinto di nuvole e cielo e di notte verso una finta ma affascinante luna  . . . . . . .

sta nascendo R2020

R2020.jpg
UNIALEPH.jpg
Michele Gentilini, guitar
Giovanni Colombo, piano
Marco Esposito, bass
Luca Bongiovanni, drums

il computer non è solo un mezzo di svago, spesso è un mezzo di informazione, a volte di chiarimento, ma purtroppo come in altre cose umane, frutto di sapienti invenzioni e utili usi, il computer è anche un allevamento di BUFALE . . . . . 

la notizia riportata qui sopra e diffusa via social

è veramente orribile nella sua formulazione e allora sospetti subito la bufala . . . . . allora

come chiarire ciò e cosa fare dopo ?

1 ) rilanciare la notizia e intanto chiedere lumi a persone informate vicine al luogo dove sarebbe accaduto l' evento . . . . 

2) cercare nel web le strade in cui la notizia appare e leggere anche i commenti . . . . 

3) verificare nomi, luoghi, notizie simili, magari indagare sugli indirizzi internet che sono sottesi al post  . . . . 

4) organizzare una reazione e aspettare che la cosa si sgonfi oppure venga rilanciata . . . . 

5) attivare enti riconosciuti che possano far leva sulle autorità per petizioni nominative . . . 

6) attendere ancora evitando enfatizzazioni e estensioni

7) se è una bufala si sgonfierà  . . .  e io preferirei in questo caso, perchè è proprio triste che ci siano posti nel mondo in cui si possa decidere della vita e della autodeterminazione di una persona per reati inesistenti o per attività non gradite da parte del dittatore di turno  . . . . 

vivrei molto più tranquillamente se seguissi i protocolli mainstream, più sicuri, più collegati, più diffusi e più coperti, inoltre sarei meglio servito proprio perchè servo, invece scegliere di stare dalla parte dei critici, degli scontenti, dei sospettosi, dei rompiballe, è cosa destabilizzante, inquietante, irrequieta, spesso fallibile, condita di frustrazioni e delegittimazioni, per cui occorre una grande dose di serenità, di convinzione, di coerenza, di equilibrio e di potenza informativa e anche di buona capacità di affabulazione  . . .  con il rischio sempre presente che se riesci ad essere incisivo è anche possibile che ti trovi inguaiato in modi bizzarri in apparenza o in ricatti anche mortali . . . .  quindi con la necessità di costruirsi un dossier e di affidarlo in mani sicure che possano poi riprenderlo e rilanciarlo in una estenuante lotta contro i falsi benefattori, contro i distributori di denaro superfluo, contro i bugiardi della politica, dell' economia, della didattica, della salute e dello spettacolo, si continua scegliendo i migliori compagni di strada:  qualcuno se lo ricorda  per esempio   SALVO MANDARA'  ?. . . . . . 
                              

terra piatta

no vax

cure alternative contro il cancro

illuminati per il potere globale

rettiliani e grigi

morti non morti

teorie del complotto mondiale

esoterismo magia e satanismo

apocalissi su apocalissi

alieni interagenti con l' uomo

Dèi creatori e sfruttatori

il transumanesimo

le lotte fra iniziati deviati

la sostituzione dell' uomo

ricordiamoci comunque che esistono anche le bufale delle bufale . .  delle bufale  . . . come i protocolli dei saggi di Sion che magari, pur essendo falsi, forse sono stati creati apposta per apparire falsi  . . . .  .

un po' più di coraggio !

Coraggio !

Patrizia Bacarelli - Pittrice in Firenze

· 29 aprile · 

 

"L'arte è per consolare quelli che sono stati spezzati dalla vita."
Vincent van Gogh

un pensiero a nonno Umberto          morto in guerra

sei stato

abbastanza

per generare anche me

riposi nel ricordo 

e con tanti altri

nel dramma della vita

sei più compagno della morte

caro nonno

mai conosciuto

il tuo quadro grande, la tua espressione posata e altera

conferma quello che non potesti esprimere

esprimesti solo 24 anni di esperienze e propositi

maledisti la sorte che ti impose il sacrificio

tanto basta, Nonno, 

anche per te, ringraziandoti, è un dovere vivere ancora !

mi stanno arrivando notizie e mormorii che GIUGNO, questo giugno sarà un mese cruciale che presenterà accadimenti spiacevoli ma soprattutto per una parte del potere e cose che invece ridaranno energia convinzione e ossigeno (quello spirituale) a noi persone driblate, sottostimate, soggette, obbligate, ignorate, in attesa di stabilizzare l' anelito verso liberazioni non cruente, ma risolutive e inevitabili  . . . . 

lotta

fra tenebre illuminate

e luce con riflessi ombrosi

colpi

variamente

inferti

Scelte

e necessità

ma non sentiamoci

abbandonati

IL CRISTO COSMICO

si sta plasmando

e sarà presto

diviso

fra tutti NOI

figli della LUCE !

Somewhere . . . . . . 

tutto già accadde e tutto può riaccadere, bisogna salvarlo sempre dovunque e comunque . . . la genialità si distribuisce in varia quantità, ma ha qualcosa che la fa riconoscere e di cui andar fieri e rispettosi, non si deve mortificare ma favorire, non si deve esaltare ma neanche combattere, ella riemergerà dalle brutture massime come dalle regali dimore . . .  aggiungo da intuitivo ammasso di cellule e speranza, che se non è inquadrabile nelle categorie rassicuranti e solite, ella non è ostile se non a chi la possiede in parte, per un po' per sempre fino alla consunzione . . . . l' umanità dovrà fare un salto a breve, potrà gioire dopo, di ciò, adesso teme, resiste e tenta timorosa . . . .  mi appello al casuale lettore: io, ritengo, come tutti, di poter avvertire di quando in quando l' ombra di una genialità che si sveglia solo nel confronto con quella vera e obbligatoriamente affiancata alle eccellenze degli altri di modo che si manifesti e venga ad occupare per un po' il posto del bene comune che non è acquisizione passiva o trionfale, è nell' intimo la fissazione come dentro cornice di un DONO che sarà per TU TTI, proprio per tutti !

06 - 06 - 2020

mese importante per molte cose . . . . . . 

la salute fisica e mentale, essendo particolarmente a rischio per vari motivi

                                                              ha bisogno di stabilizzazione

il corredo mentale di pensieri, emozioni, desideri e speranze vira verso ansia depressione e demotivazione, ma richiede una lucida e efficace azione di verifica e assistenza, tramite letture, confronti, collocazione e analisi relativamente alle conseguenze del periodo covid . . .

la sensibilità affettiva richiede e necèssita di immissioni gratificanti siano esse lavorative, personali, familiari e di analisi benevola, amorosa e lucidamente realista . . . . 

i fatti del mondo e le interpretazioni si intersecano e non se ne trova decifrazione e inevitabilità, ma si sente il bisogno di qualcosa che unisca in verità e in solidarietà secondo il potere effettivo di ognuno . . . . . 

su tutto questo, un fatto o un evento superpartes, un ridimensionamento delle forze negative e ricercatrici catastrofiche di conseguenze, dovrebbe potere ristabilire l' evoluzione di questo salto spirituale e biologico nella direzione delle soluzioni per le anime aperte e benigne e una penitenza per gli impenitenti testardi e pertinaci . . . . . . . . . IO e i MIEI crediamo di poter far parte di quella umanità che avendo non preteso e non ottenuto, ma molto domandato e correttamente impostato tutte le proprie modalità in direzione della preghiera e del rispetto, confidiamo nei migliori scenari, che ovviamente dovranno essere oggetto di ringraziamento e di esercizio . . . . .   cos' è questo fatto sconvolgente . . qualcuno probabilmente lo sa , IO NO, ma qualcosa dovrà passare in su tra per NOI TUTTI . . . .  

io mi auguro

una ventàta accarezzante

sebbene energica

e in qualche modo spietata

una corrente impetuosa

ma ripulente

una bruciante parete a specchio

che riveli

la parte sbagliata di noi stessi

e suggerisca con fermezza

e senza opzione di scelta

la necessità di emendamento

e ci dia però

anche in consegna

lo scrigno dei nuovi tesori . . . 

Un prete intelligente e collegato a scritti e esperienze sapienziali antiche e contemporanee a lui, meditò, mise a punto e pubblicò una visione del mondo ideale che doveva poter nascere dal Cristianesimo autenticamente vissuto e tramandato . . quel religioso, filosofo e asceta si chiamava e si chiama Tommaso Campanella . . mannaggia ai miei ricordi di scuola assai carenti e vaghi, data la mia riottosità a capire cosa e come avrei dovuto apprendere la cultura di chi mi precedeva e mi manifestava la propria posizione o fede . . . . mi pare che una delle sue opere che attraversano i secoli dopo lui si chiamasse " la Gerusalemme celeste o la città ideale o una cosa simile . . mai letta e tanto meno capita . . Tommaso Campanella resta un nome e qualche sprazzo di pensiero . . ma cosa diceva nell' opera . . credo immaginasse e auspicasse il sorgere di un cammino per la costruzione di una città ideale e religiosamente compiuta che ospitasse tutto il genere umano, senza più il dolore, il dubbio e la malattia debilitante e soprattutto l' ingiustizia e la prepotenza . . che dire . . siamo ancora assai lontani da quella città utopica non trovate ? . . .ah ecco INTERNET mi viene ora in soccorso " La Città del Sole " . . . . .


William Blake in 1804, the lyrics were added to music written by Hubert Parry
 

 

Jerusalem Hymn

And did those feet in ancient time
Walk upon England's mountain green?
And was the holy Lamb of God
On England's pleasant pastures seen?
And did the countenance divine
Shine forth upon our clouded hills?
And was Jerusalem builded here
Among those dark satanic mills?

Bring me my bow of burning gold!
Bring me my arrows of desire!
Bring me my spear! O clouds, unfold!
Bring me my chariot of fire!
I will not cease from mental fight,
Nor shall my sword sleep in my hand,
Till we have built Jerusalem
In England's green and pleasant land.

E ha fatto quei piedi nei tempi antichi
per Camminare sul verde delle montagne ? dell'Inghilterra?
Ed era il santo Agnello di Dio
Sui piacevoli pascoli dell'Inghilterra che vidi ?
E il volto divino

tu Splendi sulle nostre colline nebbiose?
Ed è stata costruita qui Gerusalemme
Tra quei mulini oscuri satanici?

Portami  la mia prua di oro ardente!


Portami le mie frecce del desiderio!


Portami la mia lancia! O nuvole, spiegatevi!


Portami il mio carro di fuoco!
Non smetterò di combattere mentalmente,
Né la mia spada dormirà nella mia mano,
Finché non abbiamo costruito Gerusalemme
Nella terra verde e piacevole dell'Inghilterra.

brucia

legna vecchia

sali in alto

come fiamma

e fumo

spandi calore

da me

a dare

calore

a chi merita

e non mentire

crepitio

ravviva

la fede

su quel che è stato

su quel che doveva essere

o non essere

e ricorda

ricorda, odore di fuoco

che la legna bruciata

è il fine della legna!

Donne nell' altra informazione

... lombrichi, lombrichi nel fango a masticare terra e resti di vita, siamo NOI, ma produciamo ottimo concime, quindi siamo necessari se rimaniamo nel fango, non se sognamo ali per volare, branchie per respirare, artigli per ghermire, squame per proteggerci . . . . siringi per cantare melodiosamente e veleni per uccidere . .  .siamo lombrichi operosi, umili, elastici, colorati, asciutti, non viscidi come si crede, filiformi e pavidi, ma resistenti . . . . e da lombrichi contribuiamo a mandare avanti questo pallone umido e colorato, perso tra le leggi del cosmo, protetto da energie devastanti e annullatrici . . che vogliamo di più, siamo quel che siamo e affidiamo alle piante nutrite dal nostro Humus, la produzione di ossigeno, agli uccelli ingordi, noi stessi, tanto ci siamo già riprodotti efficacemente, anche per frammentazione, allo scienziato l' occasione per capire meglio, allo studente non schifiltoso, l' insegnamento di cosa è la cura delle cose . . . .  chissà, forse un giorno lontano o vicino avremo una metamorfosi, rinasceremo come altra cosa, come altro essere, come sfolgorante entità piena della grata memoria di ciò che siamo stati, orgogliosamente stati !!!! 

sarà un giugno di fuoco
dove tutti saranno se stessi
e quindi ci saranno punizioni e premi
 il fango diventerà
la consolazione del rospo e del lombrico
mentre l' aria
brucerà le gole dei prepotenti
e degli illusi dell' intelligenza
come prerogativa della furbizia,
come menzogna architettata . . . 
giugno sesto mese del 2020
vedrà il chiarimento, aprirà giochi
collocherà i virus al giusto posto
cioè nelle viscere di chi li creò
e se vi sembrerà che niente corrisponda
sappiate che lo spirito
lavora nell' ombra
nell' insignificante
nell' errore
nel dubbio
e nella giustizia !
                                 il Profetello.
100748952_10158371242469860_304209432609

si è quello che si è, non si diventa economisti ascoltando un economista, nè pianisti jazz assistendo a concerti o leggendo note, neanche facendo conferenze o assumendosi responsabilità si è certificabili come esperti, nè si può allevare lombrichi perchè ci stanno simpatici e si possiede della terra . . . .si è quello che si è e ci spetta quello che ci spetta, ma nascosto da qualche parte ( somewhere) c' è un fattore impalpabile ma vivificante che ci può trasformare in qualunque momento in economisti, in pianisti rifiniti, in conferenzieri, in imprenditori agricoli e in qualsiasi cosa, purchè ciò ricada a vantaggio della massa umana e venga restituito al tutto in qualunque momento: cosa impedisce a questo fattore di operare stabilmente per tutti e in tutti ? la fugacità della sua azione, la impermanenza della intuizione della sua esistenza, la disciplina necessaria quando lo si ghermisce . . . . quindi la sua è una evanescenza probabile e frequente a fronte di una sua permanenza stabile e salvifica . . .  alcuni hanno trovato e utilizzano questa potenza nascosta da iniziati, altri la distribuiscono con tecniche da insegnanti esoterici, certi la sfruttano egoisticamente e poi la perdono avendone nostalgia , tutti i rimanenti sono nel mercato dei ricercatori frustrati (come me ), molti se ne disinteressano affidandosi ad altre chimere e a tangibili ricompense . . . . .  per me, per la ricerca del factor vitae 

questa continua tensione e spesso ragione di entusiastico e speranzoso rovello . . . . . . .(Il profetello)

questa 

MI RITROVO A PARLARE CON ME STESSO . . . forse non sento gran che l' esigenza di scambiare opinioni e impressioni con altri, eppure se scrivo qui è perchè pubblico qualcosa nella speranza che occhi estranei si incuriosiscano e leggendomi abbiano voglia di incrociare con me minuti di opinioni, di racconti, di emozioni descritte e in conflitto . . .  . poi rientro dallo scritto e mi accorgo che dialogo con un me che ho dentro e che è il mio riferimento. Piacere sono Mario e tu ? Allora come va? Non è che se me lo dici mi cambia qualcosa, ma comunque mi invoglia a chiarire e chiarirmi su cosa penso del mondo, dei sentimenti, delle esperienze, dei desiderata, delle ingiustizie comportamentali e del rispetto o meno delle prescrizioni e delle imposizioni d' altri che magari si paludano in vesti ufficiali, statali, coperti dagli abiti del buon potere, della sana religione, della dotta scienza, dell' intrigante moda, della superiorità di atteggiamenti e abitudini rispetto alle mie . .  e tu  , come ti chiamo, tu che mi abiti dentro di tanto in tanto, Oiram, Salvatore, Case, Anonymous, Profetello ecc . . .  tu che sento familiare, ma che mi disorienta spesso . . .tu che mi dici quest' oggi ? 

   Ti piace stare dalla parte dei rompiscatole eh! Sfuggi, ti comporti da impunito, non ti fai trovare e poi mi assali alla mattina al risveglio, oppure ti distrai, ti diverti, ti intigni, passi al nemico, ritorni e mi spieghi che non ne potevi fare a meno . .  ma di me ti interessa o no ?  Ah sì, allora perchè non ti adegui a me? Ah, dici che è meglio avere due chance anzichè una, anzi anche più facce e pensieri, non parliamo poi dei comportamenti . . . . ma tu a chi ti riferisci, a chi rispondi, a chi sei sensibile e per chi lavori o tifi?  Però in fondo mi fai compagnia, mi sostieni la noia distraendomi, mi stimoli a inventare, a illudermi, a sognare, a fare brevi improbabili viaggi mentali verso scenari inesistenti ma verosimili . . . .grazie di esistere, quindi, senza rendermi schizofrenico o paranoide, grazie che mi combatti quando sìfuli che il mondo è una FINTA, che la verità la devi cercare invece che credere a quella che ti delineano questi social, la tele, le letture, le opinioni di persone vere, . . .  . 

dunque, caro me stesso mio, che mi dici oggi ? Te ne vai ?  beh allora, salùti . . . . e fatti sentire, eh! Oh e mi raccomando quando torni a trovarmi portami novità belle e utili, sane e chiare, stimolanti e indagabili . . .  non mi trascinare in elaborazioni perverse e contorte, non mi indicare personaggi discutibili e bugiardi, non mi ingannare con adesioni superficiali e dubbie . . . . . .  ora faccio da me, perchè riesco a sopportarmi abbastanza  . .     ci vediamo !

 
una mia amica di rete Patrizia Alò, servendosi proprio di WIX ha preparato un sito che celebra Plinio Maggi, suo caro amico e negli anni sessanta e settanta famoso cantante, autore e poi farmacista a Catania, sua città d' origine,  e anche giocatore di Bridge con molte passioni che se n' è andato da poco tempo,  a 79 anni . . . . allora ho pensato di mettere qui uno spazio ricordi . . . . . tramite  LINK di aggancio a siti rievocativi di una bella stagione passata che anche io ho vissuto per così dire " lateralmente "  . . . .
isola.gif

il baule dei ricordi

mappa encarsiologica::::::::::::::::::>

La conoscenza è sempre altrove, ma c’è

    diffidare delle frasi fatte

Non inorgoglirsi di quello che si riesce a fare, ma di quello che si riesce a trasmettere

un altro che ti contesta ha sempre le sue ragioni

La croce orizzontale verticale è ancora il modello, ma per il Cristo cosmico che sta arrivando, la croce è solo il trampolino dello slancio prossimo

eterogeneità dei fini vuol dire la soluzione la da' l' imprevedibile

I compagni di strada non sono quelli come te, non sono solo quelli contro te, non sono quelli senza te, sono QUELLI che riempiono ogni spazio, ogni energia, ogni spirito, ogni disperazione

riconosci chi sa esprimere bene quello che tu non riesci ad esprimere pur sentendolo

Fìdati, è stato già detto e proposto tutto, senza venir mai realizzato del tutto e anche adesso lo scopo non è realizzare, ma usare, confrontare, scegliere, salvare e abbandonare, in misura opportuna e veritiera . . . .

Anche questa mia elaborazione va solo confrontata non scelta, va solo condivisa non capita, va magari estesa e corredata, non semplicemente ignorata . . . . . .

domandati sempre qual' è la ragione e la emozione che ti spinge e poi non assecondarla

Il tutto nel minuscolo, il tutto nell’ immenso, il tutto nel vicino, il tutto nell’ invisibile, il tutto nella preghiera, il tutto nella luce o nel buio, il tutto permeato del niente diventa la buona novella per il XXI° secolo

se provi antipatia e rabbia verso chi tenta di  smantellare  intenzioni e dichiarazioni tue,

non ti far condizionare però da quella .

Il  profetello

00:00 / 02:25

I bless the day I found you I want to stay around you And so I beg you, let it be me

 

Don't take this heaven from one If you must cling to someone Now and forever, let it be

me Each time we meet love I find complete love

Without your sweet love what would life be

 

So never leave me lonely Tell me you love me only And that you'll always let it be me

 

Each time we meet love I find complete love Without your sweet love what would life be So never leave me lonely Tell me you love me only And that you'll always---let--it be--me

del letitbettismo XXI°

Benedico il giorno in cui ti ho trovato
Voglio starti vicino
E quindi ti prego, lascia che sia io

Non prendere questo paradiso da uno qualunque
Se devi aggrapparti a qualcuno
Ora e per sempre, lascia che sia io

Ogni volta che incontriamo l'amore
Trovo l'amore completo Senza il tuo dolce amore quale sarebbe la vita

Quindi non lasciarmi mai solo
Dimmi che mi ami solo
E che lascerai sempre che sia io

Ogni volta che incontriamo l'amore
Trovo l'amore completo
Senza il tuo dolce amore quale sarebbe la vita

Quindi non lasciarmi mai solo
Dimmi che mi ami solo
E che tu --- sempre - lascia - essere - me,

lascia che io sia io . . . . . . . .

la mia generazione ( seconda metà del novecento ) esce dalla seconda guerra mondiale, in una Italia semidistrutta, acquisita da un America del Nord, benevola ma anche vincolante che sovvenziona una crescita fidandosi del genio italiano ma anche consapevole che nel carattere del nostro popolo c' è una congerie di difetti che portano le persone a scegliere su base emotiva, passionale, familiare e con coloriture di contrapposizioni fra gruppi che indeboliscono il ragionamento e la analisi equilibrata e razionale, cosa che invece molte popolazioni europee e oltreatlantiche hanno più padroneggiato e allenato nella storia  . . . ( vedi colonialismo, tecnologie  a brevetto, elaborazioni strategiche e false flags . . . .  )  così oggi ci troviamo sempre geniali, ma dispersi e conflittuali fra di noi, padroni di niente e al massimo vicerè di potenze che dettano le regole . .  la nostra generazione tra fascismo e antifascismo, tra tradizioni paesane e liberazione sessuale e affettiva . . nun ce stamo a capì più niente o poco più  . . . . . e così raggiungiamo i 70 anni e ne sappiamo meno di come siamo partiti e confusi e dispersi anche oggi, cerchiamo appigli nell' arte, nell' idea geniale, nella meraviglia dell' adattarci e nella resilienza della sopportazione, eleggendo tra noi quelli più marpioni o spericolati, quelli più pericolosi o ipocriti, quelli più estetici e autoincensanti . . a danno dei normali, dei sinceri, degli ingenui e degli altruisti puri, degli intelligenti ma rigidi, dei flessibili, ma troppo possibilisti . . .  e così basta una Merkel, un Macron,un Trump o un Putin e il sorriso apparentemente conciliante del Leader cinese a farceli compagni di strada e ad ignorare sistematicamente e stizzosamente coloro che tirano fili, che pagano spettacoli, che indirizzano con l' obbligo e la corruzione,ma soprattutto dei " filantropi " quelli che si autodefiniscono amici dell' umanità e che noi così tanto vogliamo credere anche davanti alle evidenze più mostruose che vengono quasi immediatamente rimosse , alterate o negate . . . . .    e abbiamo anche fatto figli su figli, cresciuti un po' confusi, un po' incerti, molto protetti e assai polo lanciati nelle imprese e nell' acquisizione di giusti diritti di vita ..  ecco un dipinto testuale di quello che mi sento d' essere anche io, sebbene sempre ricercante una giustificazione coerente con quello che so, che so fare, che vorrei conoscere, ma non riesco a capire mai  . . . 

(20:47:59) mariocase.mc@libero.it: sono approdato in controtv, in byoblu, in voxitaliatv, in UNIALEPH, in La Finanza sul web, nel canale di Leonardo Leone, in pandora tv, in border night e cerco sempre quello che hanno in comune . . . poi vado magari a confrontarli con le TV del fatto quotidiano, di LA7, delle reti mediaset e della RAI . . . e la mia testa dopo un' iniziale smarrimento manco fosse assalita dal 5G inizia a schiarirsi e avverte un sottile piacere nel sostenere tutte le tesi alternative alla melassa rassicurante e inguaribilmente ottimista, ma condita col piccante della paura e del sospetto, avvisante del pericolo FAKE in agguato . . e ridacchiando vengo a trovarvi:  buona serata a voi e sentiamo cosa " veramente " succede . . .
se deve essere democrazia
allora
i contributi
dei singoli
devono poter
pesare
sulla bilancia
delle cose
in gioco . . . .
...fino all' equilibrio:
se si compie una narrazione
preferenziale
si deve dar spazio
a chi scopre, prova, trova e propone
non è cosa etica
ostacolarlo
e negarlo
senza confronto

non è certo un caso

che il dissenso aumenti,

che l' alternativa

alzi la testa

che le falle del sistema

possano trovare

chi cerca di ripararle o di metterle in mostra

al fine

di consentire

la riparazione

o la sostituzione

dell' oggetto danneggiato irreparabilmente . . . 

anche questa è democrazia vera.

e invece si assiste quotidianamente all' emissione di bollettini ufficiali che normalmente smentiscono altre affermazioni ( si dice paura delle fake news ) non è vero non è paura è boicottaggio, è processo anche preventivo di smantellamenti che altrimenti risulterebbero vincenti o ridimensionanti . . . 

quindi se viene organizzata una manifestazione pubblica, magari senza il permesso delle autorità, anche se la si blocca, la notizia e il documento che la riguarda può essere emesso e giustificato, oppure si organizza l' ordine pubblico preventivo per permetterne lo svolgimento, non la si critica a priori perchè non favorevole alla narrazione ufficiale . .  anche questa è democrazia . . . 

se nascono sulle piattaforme disponibili e regolarizzate, proposte libere e magari critiche, fatte salve certe limitazioni universalmente ammesse, non puoi cassarle così d' autorità e poi magari permettere ad altri a te favorevoli anche peggiori manifestazioni che però vengono o minimizzate o ignorate o favorite con etichette legate alla satira, al mondo dello spettacolo e quindi  . . . ripulite . . . . .  ricordiamo CHARLIE EBDO . . . . ecc . . . 

comunque, per me, questo è un periodo da MONACI, c' è il distanziamento, la reclusione terapeutica, l' ampio usi del rito, della preghiera, della ricerca di conforto, della promessa di buon comportamento, dello studio e della ricopiatura dei testi celebri o grandi, della coltivazione, della farmacia, dell' allevamento artigianale, delle cose fatte in casa, dei costumi morigerati, e altre virtù a cui un invisibile flagello ci costringe, ma non si può dimenticare che giungono ordini da gerarchie non accettate ma subite e quindi c' è anche del sano ribellismo per così dire francescano che traccia un ponte ideale tra se stessi e la divinità che non risponde ai poteri e alle imposizioni di un occulto o esplicito IMPERATORE o AUTORITA' sia essa statale, finanziaria, religiosa, militare o politica . . . . ecc . .  tutta roba da ABBAZIA .....

giugno 2020

che l' era dell' acquario è in piena formazione mi sembra EVIDENTE, e quindi nasce con fatica e contrasti, ma è irrinunciabile inevitabile imminente come il levare del sole . . . avverrà perchè sta già avvenendo . . . certo molti fatti sono traumatici e duri, inaspettati e coinvolgenti senza distribuzione di colpe e pene, ma presenti e interagenti . . . . la resistenza del potere che fu, si fa ancora più tosta e intransigente, virulenta e scorretta, ma è destinata alla sconfitta ( e meno male! ), di quell' era dei pesci si salvano solo quelli che rinunciano, che collaborano, che capiscono, che riconsegnano le chiavi, in una resa che può dirsi onorevole se non negata o rimandata . . . GIUGNO 2020 potrebbe contenere quel qualcosa di determinante che farà evolvere tutto il rimanente anno e poi i successivi verso la ricostruzione attraverso spiriti nuovi e leggeri, il nuovo corpo sociale, naturale, culturale, politico, economico e lavorativo sta formandosi, . . . . . ma il mondo più interessante è quello etico, quello dove verranno ridefiniti i 10 comandamenti . . . . . Dio c' è ed è LUI il riferimento, non lo negare, non lo cammuffare, non lo imporre, ma LUI c' è . . . . sia la vita una festa in cui tutti possono partecipare, quindi santificala con tutti . . . . . riconosci a chi ti ha preceduto gli insegnamenti a cui tu farai riferimento e rispettane l' essenza e la motivazione . . . non togliere la vita a chi è come te e limita il tuo dominio sugli animali e i vegetali, non legare i piaceri al denaro e all' avidità di possesso . . . non prendere per te ciò che non è tuo ma di tutti . . . . non mentire per avere di più e togliere il giusto al tuo simile . . . . non desiderare quello che appartiene all' altro e l' altro ti riconosca questa forma di rispetto e a sua volta ti lasci tenere quello che deve essere tuo . . . . fai della tua vita un cammino di grazia, scoperta e distribuzione , , , sii benedetto tutte le volte che ami . . . . ecco riscritti i 10 comandamenti . . .

00:00 / 07:55

giugno 2020

verrà dall' America? sarà un contraccolpo cinese? e la Russia? qui in Italia soluzione o problematica ?  

conosceremo persone dalle dimensioni e dalle civiltà presenti nell' immenso universo ?

sperimenteremo una guerra vera?

il NO prevale sul SI'

iniziato GIUGNO  . . . il virus sta sparendo . . .  il sole sta aumentando . . .  i pensieri sono contraddittori ma ci sono . . .  le pretese devono stare a ZERO  . . .  se guardi intorno a te ascolti, vedi, assapori un mondo e lì devi ringraziare di POTERLO FARE . . . manca il movimento . . .  la dieta va bene ma non si può sgarrare . .  le quattro medicine certo non t’ aiutano a dimagrire, ma ti controllano parametri piùttòsto importanti . . . la cultura si mantiene se non la radicalizzi senza convinzione e argomenti . . . . ciò che ami devi valutarlo anche con la ragione, perché potrebbe essere voglia e desiderio, ma non ciò che fa per te . . . .  allontanarsi dove non hai luogo, ma avvicinarsi dove c’ è richiamo, mi sembra corretto anche se non risolutorio, a volte ti devi interessare a ciò che non ti compete, ma senza pensare a trionfi o a facili approvazioni, anzi spesso è il contrario e poi più che risolvere i tuoi nodi dentro, occorre un metodo per dipanare masse ingarbugliate . . . .  a questo punto in questo GIUGNO cruciale per molte ragioni evidenti o nascoste, se accade un fatto ECLATANTE o più di uno, lì puoi essere pronto a metterti in gioco e ad accettare tutto ma proprio tutto quello che succede e TI succede . . .

uuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu

qqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqqq

La conoscenza è sempre altrove, ma c’è

Angelo del mese di Giugno 2020: COMPASSIONE!

di Isabella Popani| Pubblicato 1 Giugno 2020

 

Sincera comprensione della condizione umana che abbraccia il dolore in se stessi e negli altri,
dissolve il giudizio e apre la strada all’ accettazione. Sincero desiderio di alleviare la sofferenza.

La compassione è un’emanazione energetica della parte essenziale di noi che contiene la “volontà di bene”.

Siamo in costante connessione con chi ci sta intorno tramite la nostra impronta energetica. Tutto ciò che tocchiamo è imbevuto della nostra firma. Più agiamo con intenzione, più la nostra firma diventa permanente e più grande diventa l’influenza del nostro tocco. La stessa cosa vale per i nostri pensieri e per i nostri sentimenti, più sono forti e ripetitivi più “vivono” a lungo.

Il coltivare una natura compassionevole sia per noi che per gli altri agisce come un balsamo guaritore che ci aiuta a tollerare le ferite e nutre la nostra capacità di stare con ciò che arriva. Ci offre rifugio dalla nostra mente giudicante e permette al nostro cuore di aprirsi. Senza compassione non possiamo vedere la verità e passare dalla sofferenza alla fiducia in una realtà più grande.

Coltivare compassione è una pratica che dura tutta la vita e viene con l’esperienza e dal fiorire di un cuore intelligente, un cuore che sa percepire le sottigliezze dell’indifferenza, della misericordia, della compartecipazione, della gentilezza amorevole e della cura e attenzione. Talvolta possiamo sentirci affaticati dalla compassione e ci separiamo dal dilemma di essere umani. Penso che questa possa essere una causa assai diffusa di depressione, stress e del sentirsi senza valore. Veniamo costantemente traumatizzati dai media e questo  crea delle impronte energetiche che ci esauriscono e ci allontanano dal nostro cuore.

Non c’è alcun bisogno di fare qualcosa ‘in merito’ all’ esperienza umana. Tutti noi abbiamo dei punti che ci fanno scattare e ci portano all’ azione. La questione è: la nostra azione porta ad un effetto domino di amore o di separazione? Solo per questo mese, pratichiamo l’arte della compassione mediante il tocco, il pensiero e i sentimenti con l’intenzione di lasciare una firma energetica che animi la volontà di bene e l’amore per l’umanità.

Possa tu essere avvolto dalle ali dell’Angelo della Compassione ed invitalo ad abbracciare tutti coloro che sono intorno a te.

Con affetto,

Kathy

P.S. Se nel mese di maggio hai lavorato con l’Angelo della Luce, prenditi qualche momento per lasciarlo andare con gratitudine prima di dare il benvenuto dall’ Angelo della Compassione per il mese di giugno.

tratto da:    https://www.giocodellatrasformazione.com/       

beh . . dopo nove anni che giro per il web . . mi sento di tracciare un breve consuntivo, di cosa significhi oggi per me, aver fatto ampio uso di questa macchina di comunicazione e trasferimento dati . . . per prima cosa mi rendo conto di quanto mi ha influenzato e cambiato, per seconda cosa di quanto sia illusorio pensare di determinare modifiche al mondo solo perchè ne sei testimone e ne scrivi, terza cosa la visione di cosa sia giusto e cosa sia sbagliato si stempera in una nebbiolina impenetrabile e avvolgente . . . sembra una visione negativa e sconsolata dell' inganno a cui mi espone il computer e invece No, perchè trovo sempre un motivo per accenderlo e navigarci . . certo oggi con una consapevolezza non entusiasta e fideistica, ma comunque con la percezione che esprimersi e lanciarsi in spericolate esternazioni e acquisizioni di amicizie virtuali sia segno di questi tempi e separi ancora quello che vale da quello che prima o poi scompare perchè inutile o dannoso o mediocre . . . . in tutto ciò, avendo recuperato, aprendone i file, esperienze vecchie di 10 anni e conservate nei miei hard disk, dove riscopro vie percorse senza sbocchi, rinunce e abbandoni ma anche floride fioriture di fatti e proposte che si sono collocate con credibilità e sviluppo in queste impalpabili vie elettroniche . . l' unica grande precauzione da prendere per me è essere pronto senza rimpianto a fare valigie e spostarmi nella vita reale che vale altrettanto anzi di più della vita fittizia che nella rete si genera . . . . . . . tutto 'sto gran discorso solo perchè è da ieri che cerco un documento che mi è stato richiesto da una cara amica e che non riesco a trovare anche se trovo di tutto . ah ah ma non mollo e continuo a cercare . . nel mio passato informatico . . . ah dimenticavo BUON 2 GIUGNO a tutti i fratelli e sorelle del WEB !

a nove anni da quando mi informo, mi relaziono e mi aggiorno col WEB, sono giunto a rasentare il malumore e la demotivazione, ma poi invece risalgo perchè incontro anime buone, persone speciali, competenze esaltanti da raggiungere . . . . e tutto si fonde nella testa, sacrificando il dannoso e l' inutile a vantaggio del necessario e del bello . . . . .

devo assolutamente trovare " MARIA DELL' ISOLA " di Amneris Marcucci  . . . . . . . . .

trovata !

 

Ritrovo con piacere in rete una cara amica di gioventù: Amneris

http://www.amnerismarcucci.it 

 

diamante grezzo:

procedere nella vita è sfruttare le proprie migliori qualità, ma quelle lì sono anche il risultato di interazioni educazionali e fortuità di incontri e di accadimenti che esaltano o mortificano quello che si è o si crede di essere in base a successi e riconoscimenti oppure all’ opposto di misconoscimenti e accantonamenti del proprio contributo: in parole più semplici, mossi dalle ambizioni, dalle pretese e dalla grinta di carattere, edulcorate dal sentimento di religione tradizionale o innovativo, procediamo e viviamo fino a capolinea temporaneo o definitivo . . . Io, nato nel dopoguerra e cresciuto in ambiti paesani, a contatto con televisione, giradischi, scuola, parrocchia e abitudini familiari, sorretto o penalizzato da un carattere timoroso, insicuro, sensibile e altruista, ho dovuto propormi, mortificando le spinte interne di ambizione e riconoscimento e schernendo l’ arrivismo, la spietatezza e la variabilità condita di bugie opportuniste e di esempi rifiutati o criticati . . ho proceduto guardando con ammirazione o al contrario con disapprovazione quelli come me ma capaci di scelte coraggiose, impulsive o strategiche a seconda del loro carattere e della loro derivazione familiare e della appartenenza a qualche cordata originale e nuova, contrapposta a quella convenzionale e meglio accettata . . .. . . .  avrei un mucchio di esempi da citare desunti dalla mia memoria di base e soprattutto da quella affettiva . .  ora, arrivato qui . . con la carriera esaurita, la famiglia più o meno sistemata e il mio rapporto di fortunata scelta con la compagna che ha unito la sua sorte alla mia, mi chiedo: a che pro’ tutto ciò ?  A niente se non al dare il testimone a chi è chiamato a procedere . . .  per biologica età e cultura acquisita . . . con un forte impatto dovuto al caso risultante dalle nuove interazioni . .  ( covid, piani strategici, influenze del potente, innovazione, sviluppo , nuove ambizioni, temperamenti più o meno affettivi e fortuna  . . . . . ) e poi c’ è il “ diamante grezzo “ seppellito in tutti noi, protetto in un angolo del profondo come fosse in una caverna dei tesori, condizionata da parole d’ ordine misteriose e limiti imposti invalicabili . . .   diamante ambito dai superbi, dai prepotenti, dagli avidi, dagli scorretti e dagli elaboratori di scenari perversi ma a loro vantaggio . . . .  consiglio di rivedere Aladdin di Walt Disney, sapendo che anche Walt, nella sua grandezza riconosciuta e saputa mantenere, ha esercitato dalla America, la Patria delle possibilità meravigliose, un talento e una intuizione imprenditoriale che ancora oggi risulta, con tutti i distinguo, prestigiosa, forse perché anche lui ha trovato un “ diamante grezzo “ su cui innestare il proprio dono enorme di saper inventare e disegnare in modo speciale quella dell’ animazione e dell ricorso a storie mitiche e tramandate di popolo in popolo. . . .  Bene forse per questo, amo anche io nel mio piccolo quella storia e quegli eventi che contrappongono l’ infelicità aggressiva del prepotente all’ inconsapevolezza generosa delle proprie qualità messe a disposizione di un amore semplice e vivo della gente semplice e povera . . . . nonché sfortunata o triste . . . .

l’ equazione che manda avanti tutti gli umani è quindi formulata con grandezze misurabili o meno e ancora non risolta, perché una soluzione forse farebbe finire tutto l’ universo, questo universo, è composta da grandezze quali:

ambizione, fortuna, altruismo, coraggio, evento, scambio, incontro, conoscenza, salute, aggressione, rinuncia, sfida, tentativo e assistenza . . . tutto nato dall’ idea del creatore, che poi lascia procedere nel tempo, nello spazio e nella destinazione tutti i viventi e tutte le cose dell’ ambiente . . . capirete che l’ equazione la sa risolvere solo Dio, non ci riesce neanche il Diavolo o chi per lui . . . . .

a volte penso

di essere proprio

un campo di battaglia

dentro me

fragore di opposti eserciti

forze in confronto

perse nell' idea di vittoria

affrante nella costatazione della sconfitta

un campo che sembra indifferente

alle sorti dei contendenti

ma invece

è un arrossato terreno di corpi

terminati lì

Amo la pace e l' incontro

eppure chissà com' è

devo far da sfondo

al frantumarsi d' armi

e ai capricci di Marte

Come fu sul Trasimeno

fra la legione romana

e l'irruenza geniale

dell' esercito cartaginese

io campo di battaglia

ho accolto 10.000 legionari

e altrettanti vincenti sfidanti della Repubblica

io resto e loro vanno persi

io accolgo croci per la memoria

e pire per la bonifica

sono un terreno di battaglie

che sogna ancora

solo prati e papaveri

solo acque terse e lucciole vaganti

solo stormire di fronde

e canti speranzosi

di uccellini in amore!

Dentro di me così,

si agitano le storie e le memorie

dei miei costruttori

tutte le battaglie combattute

perse e vinte.

07 06 2020

SONO COME UN CAMPO DI BATTAGLIA           

                                                CUORE DELLE COSE   

fare musica.jpg

Fabio Vetro

    musicista

         youtubber

            ma soprattutto

mistico d' azione

         della musica . . . 

Tino Carugati ( Marco Strada ) il pianoforte pop al meglio!

PILOTI                  

Josephine Caratozzo, interpretata da 

Jessica Polsky

Silvana Bava, interpretata da 

 Gisella Burinato

e giugno procede e io devo trovare un punto,

un equilibrio tra quello che s' aspettano da me

e quello che m' aspetto io

il pensiero m' è spesso nemico, ma ho un buon meccanismo di confinamento delle idee moleste

anche se derivanti da sbuffi d' anima

l' anima: questa entità che abita nel profondo

o ama nascondersi di quando in quando

l' anima che raccoglie le esperienze di papà mamma e parenti precedenti

un' anima in comune con tante altre persone forse tutte

l' anima che procede senza farsi domande di convenienza e rispetto

l' anima che rischia e si dispera senza mollare però,

l' anima che si sposta verso quello che le piace

o che ritiene adatto a lei

l' anima de li . . . . .  ti vuoi calmare un po'

e lasciarmi capire in che caselle devo spostarmi e stare?

O anima, vedi di iniziare a suggerire, a insegnare

o taci per un po', non ci sei mica solo tu

a guidare il calesse? C'è anche il " supervisore ".

Chi è il supervisore?

E' il giudice giusto del ciò che mi compete, ma che dialoga con l' altro, con il diverso o il vicino,

e raccomanda spesso di valutare, di approfondire, di allenarsi, di scambiare, di ammettere e di seguire protocolli con più semplicità e meno dubbi

i maledetti vitali dubbi dell' anima !

CONDENSATO DI BOSE-EINSTEIN.
Il condensato di bose-einstein si ha quando i bosoni (particelle) arrivano allo 0 assoluto, e quindi si comportano tutte allo stesso modo.

Questo grafico rappresenta la variazione di densità di una nuvola di atomi che viene raffreddata (andando da sinistra verso destra) fino a temperature prossime allo zero assoluto. Possiamo vedere come al diminuire della temperatura nel grafico della densità emerga un picco che corrisponde alla formazione del Condensato di Bose-Einstein, il cosiddetto quinto stato della materia. Nel caso presente la formazione del Condensato di Bose-Einstein avviene alla temperatura di 130 nanoKelvin, ovvero meno di 1 Kelvin sopra lo zero assoluto.

Ma cos’è esattamente un Condensato di Bose-Einstein? Dunque innanzitutto è necessario considerare che le particelle conosciute sono divise in due categorie, i Fermioni e i Bosoni, a seconda che posseggano il numero quantico di spin semintero o intero, rispettivamente. Per dare un esempio esplicativo, protoni, neutroni ed elettroni sono Fermioni mentre i fotoni sono Bosoni.

Inoltre i Fermioni obbediscono alla Statistica di Fermi-Dirac mentre i Bosoni obbediscono alla Statistica di Bose-Einstein: queste sono delle distribuzioni statistiche relative agli stati energetici all’equilibrio termico, ovvero ci dicono quali stati energetici sono più probabili all’equilibrio per sistemi di Fermioni e Bosoni.

I Fermioni a differenza dei Bosoni obbediscono al Principio di Esclusione di Pauli che afferma che due Fermioni non possono trovarsi nello stesso stato quantico, ovvero non possono avere tutti gli stessi numeri quantici uguali.

Per questo motivo quando un gas di Fermioni viene raffreddato fino allo zero assoluto si avrà che solo un Fermione occuperà lo stato quantistico a più bassa energia: gli altri occuperanno via via gli stati ad energia più elevata. L’energia dello stato quantico più elevato occupato prende il nome di Energia di Fermi.

Al contrario un gas di Bosoni quando viene raffreddato fino a temperature prossime allo zero assoluto collassa tutto nello stato quantico ad energia minore (stato fondamentale) dando vita al Condensato di Bose-Einstein. In questo stato della materia le caratteristiche quantistiche, proprie del mondo microscopico, emergono in sistemi macroscopici.

Per studiare le proprietà quantistiche dei Condensati di Bose-Einstein è stato realizzato dalla NASA il CAL – Cold Atom Laboratory, un laboratorio di atomi freddi che opererà a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

CAL, che è stato lanciato in orbita il 21 Maggio 2018 a bordo del veicolo di rifornimento spaziale Orbital ATK Cygnus, produrrà atomi ultra freddi a una temperatura perfino più bassa della temperatura media dello spazio profondo!

Inoltre sulla Stazione Spaziale Internazionale, in condizioni di microgravità, sarà possibile osservare i Condensati di Bose-Einstein evolvere liberamente per tempi maggiori (fino a 10 secondi) rispetto ai laboratori terrestri (frazioni di secondo), dove gli aggregati di Bosoni vengono trascinati verso il basso dalla forza di gravità.

La consapevolezza diffusa della necessità di percorrere, in questo momento così complesso, strade che portino ad unire le intelligenze, le esperienze, le diverse competenze e sensibilità ha fatto nascere l’idea di una grande MARCIA PER LA LIBERAZIONE per il prossimo 10 ottobre.
Mauro Scardovelli, Paolo Maddalena, Gianluigi Paragone, Moreno Pasquinelli con LIT, Tiziana Alterio, Diego Fusaro, Glauco Benigni sono tra i primi sostenitori di questa grande MARCIA PER LA LIBERAZIONE. Tutti insieme, ti chiediamo di unirti a noi!
La Marcia avrà l’obiettivo di far confluire su Roma migliaia di persone che partiranno da luoghi diversi e che si uniranno nella capitale allo scopo di far sentire la propria voce come cittadini liberi.
I mille rivoli sparpagliati si uniranno quel giorno in un’unica massa critica capace di diventare un fiume in piena. E lo dovremo fare individuando, insieme, le richieste da porre all’attenzione del governo.
Di seguito i temi e gli obbiettivi più urgenti su cui proponiamo di avviare insieme una riflessione.
-Moneta Sovrana in Stato Sovrano
-Moratoria del Debito
-Più Stato e meno Mercato
-Sovranità alimentare, sovranità energetica
-Riapertura della scuola
Nazionalizzazione dei Beni Essenziali
- Per una sanità pubblica, forte e gratuita
-Stop 5G/libertà di scelta terapeutica
-Difesa della PMI per contrastare le multinazionali e la finanza predatoria
-Reddito minimo di 1.000 € per disoccupati, cassaintegrati e partite iva
-Tasse eque per le PMI e multinazionali che paghino le tasse dove producono
-Politiche unitarie per il Nord e il Sud Italia
-Attuare la Costituzione
-Via il governo ed elezioni subito
Più concreti e chiari saremo e maggiore sarà la speranza di diventare una forza capace di spingere verso il cambiamento.
Giulietto Chiesa parlava dei Fuochi di Resistenza. Con questa grande Marcia per la Liberazione siamo chiamati ad unire i tanti fuochi sparsi per la salvezza del nostro Paese. E’ questo il momento più giusto per farlo !

la tentazione maggiore è di credere ai modelli proposti e imposti come i migliori possibili . . 

segue la seconda tentazione che è quella di ritenersi incapaci

la terza tentazione è quella di trovare sempre il bene e il buono nelle narrazioni del potere che però non si degna mai di spartire senza condizioni i privilegi e le cariche . . . . 

la quarta tentazione è la paura di dover rinunciare alle persone ritenute amiche che ti abbandonano perchè non sei più convinto del modello che è ancora il loro . . . .

la quinta e ultima tentazione è la paura di sbagliare e di rimaner solo, che è anche la tentazione che non riesce a vedere il buono nello sbagliare e nel rimanere solo ! 

vola quindi e non aver paura

verso la creatività della luna

verso l' energia che ti da' il sole

verso la visione di una terra unica

dove è la menzogna e la crudeltà

che devono essere soggiogate

dall' incontro, dal rispetto e dall' amore grato

e non il contrario !

deve nascere una rete che poggia su server casalinghi, schermati e condivisi tra sostenitori che devono distinguersi e riconoscersi tramite TEST periodici a cui si sottopongono fin dalla origine della rete stessa: quindi una rete con memoria, coordinatori e specialisti tutti mossi dalle stesse aspettative e baluardi efficaci contro le mistificazioni ambigue e tentatrici del sistema imperante. Questa rete i cui punti deboli servano addirittura a rinforzo, deve poter mutare, adattarsi e scomparire temporaneamente per riapparire alla bisogna, un po' come descritto da Isaac Asimov nella trilogia galattica e si trovi in un punto d' osservazione poco sotto i riflettori perchè è alla periferia, al termine o bordo della galassia tra le galassie . . . . Questa rete che chiamiamo " bordo della Galassia " contraddistinta da questo logo inizia le sue manovre di sorveglianza e incitazione il 14 giugno 2020.

i

i

i

i

i

i

i

i

questo giugno cruciale dovra' preparare il giaciglio della fenice astrale

......................................................................................................................

pronto al 21 giugno, un punto basso da cui ripartire e risollevarsi

qui in questo filmato di 16 minuti distillo opinioni che emergono dalle controverse e contorte idee della mia vita ai lati della degenerazione di credibilità di tutto il sistema di sviluppo e progresso che viene proposto da centrali di elaborazione di invenzioni e prodotti di consumo, di salute, di comunicazione e di monetizzazione . . 
dove sta la libertà di sentirsi se stesso, di essere favorito per quello che si è, di essere rispettato come io tento di rispettare gli altri in ogni tipo di manifestazione e realtà.
Tutto sta nel modo di crescere ed essere educati e nello scostamento tra ciò che si insegna e come poi ci si debba comportare per farsi avanti nella vita comune . . . . 
la società che si organizza genera servizi, narrazioni, doveri e diritti e fin qui tutto bene, ma poi iniziano a organizzarsi i giri di denaro, gli scambi nascosti, le furbizie a danno di qualcun altro, le pressioni che diventano criminali quando diventano mafiose, la polizia che non sempre punisce quelli giusti e allora ecco generarsi l' iniquità e la bugia per tenere calma la gente . . . . . . tutto diventa NARRAZIONE pilotata e a favore di quelli che hanno già le spalle coperte o son riusciti a raggiungere una posizione di privilegio . . . l' egoismo cammuffato da organizzazione, l' additamento dei resistenti come nemici a priori e malati o idioti si genera e viene potenziato da una televisione che urla e sorride in eque parti ma senza patos solo pavoneggiamenti e false modestie e convinzioni: solo un copione scritto altrove . . . . .e allora che fare per chi non ci sta come voi ??? Uno sforzo di presenza, di continuità e di argomento che non deve essere mai buttato là ma articolato, collegato e amorevole . . . . io cerco di stare con voi perchè non sono dentro i privilegiati, gli opportunisti, i superbi, i bugiardi . . ma ammetto che è dura, in quanto devo scacciare sempre in me l' ILLUSIONE che invece si raccontano tantissimi altri !!!!

 30  giugno 2020

 01  luglio 2020

piccoli focolai di resistenza

i ciocchi che alimentano il fuoco sono rami di potatura non pezzi d' albero tagliato

ciò che è inevitabile

come il levare del giorno

ciò che preme alle coscienze

e alle sovranità vilipese

ciò che urla la venuta al mondo

è qui adesso

e lascia segnali e tracce

lascia piccoli focolai di resistenza

non falò sulla spiaggia

non incendi disastrosi e dolosi

focolai

intorno ad una condivisione 

di cibo e racconti

di piccole domestiche carezze

e distribuzione di tristezze

e bisogni . . . . .

guardiamo il posto scelto

per nascere

una mangiatoia, una stalla

il rifiuto di albergo con vetri marmi e  personale di servizio

e nascesti fuori delle mura

al freddo e al gelo

o all' inizio di una calda e problematica estate romana

sei nato dentro ognuno di noi

che abbiamo ben capito

gli inganni e il luccicore

della corte del re ERODE

del ballo dei sette veli di SALOME'

avremo anche il taglio della testa

ma il vassoio che la porterà

sarà reliquia della nuova società

dell' ANTI-PRIVATO.

 

                                         30 giugno     . .  e sono vivo, che vuoi di più !

Non è MAI finita

Anche quando è finita

Ti guida la mente

Ti guida il cuore

Ma spesso perdi la strada

Vaghi nelle pensàte già fatte

T’ accorgi dell’ incostistenza

Di te ma anche nella tua unicità

Carente in tutto

Aspiri a tutto

Ma subisci intralci

Sono quelli che ti limitano

E la cosa migliore

È tentare di trasformarli

In motivi di forza

Separare è soffrire

Cercare l’ UNO nelle cose

È aspirazione

Nelle orecchie (SAN) TOMMASO

Finalmente simpatico !

                  

                                                                            Dedicato

                                                       a tutti i sofferenti per qualcuno o qualcosa

giugno 2020

ognuno ha scheletri nell' armadio . . . . . . per fortuna !!!!

  storico dei miei siti nel tempo 

home mariocase.jpg
SALVOMARIO20x.jpg
SETTEMARIOSA20X.jpg
LAFENICE20x.jpg
vedetta.gif
marefreddo.jpg
home cozzeeperle.jpg

..al 12 ottobre

00:00 / 04:05

Mia Martini - Libera

si accettano favorevolmente piccole donazioni

se le cose che propongo giungono gradite!

00:00 / 06:23
00:00 / 06:00

0

  1            5

home mc-oltre.jpg
aiutato da giovani voci, testimone afono, ma motivato della storia che si fa giorno per giorno, conscio delle precarietà, mai risolte, adattandomi e modificandomi, scrivendo, dopo i pensieri della mattina, in continuo stato d' attesa, mi accingo, scorrendo il giorno, a scrutare, un po' giocosamente, un po' prendendo impegni virtuali, in po' recuperando il meglio per me o in me o da me o fuori di me, procedo con la luce del faro, anche se so bene che i fari d' oggi sono automatizzati e quelli di ieri sono ormai spenti o crollati, non solo per la furia del vento e del mare, per la luce accecante del sole, ma anche per l' incuria di un uomo senza memoria e in vendita a prezzi scontati ad altri uomini che hanno perso il senso della loro umanità, sostituito dalla percezione di una " onnipotenza " bugiarda e condizionata . . . . . . . . . . . . comunque: " buona vita insieme ! " !